Altre notizie, particolamente da prima di ottobre 2017, sono disponibili nella sezione inglese o tedesca.

I giochi da tavolo stanno diventando sempre più popolari. Ma chi crea tutti i giochi che guidano questo settore? E come sono tutti questi giochi progettati, sviluppati e infine presentati al pubblico? Troverete la risposta in "The Game Designers" - il film documentario (quasi finito) che si concentra sugli autori dei giochi!


Gli scorsi 12 e 13 gennaio si è tenuta presso l'Hotel San Marco di Ponte Taro (PR) IDEAG 2019, la 15° edizione dell'incontro tra autori di giochi da tavolo. In questo evento si sono incontrati quasi 200 autori provenienti da tutta Italia, dagli esordienti fino agli autori più affermati e sono stati presentati quasi 400 nuovi prototipi. 


Alla Fiera Internazionale del Giocattolo di Norimberga, la Associazione degli Autori die Giochi ha dato il benvenuto al suo 500° membro, un game designer berlinese. Questo sviluppo positivo non si limita ai paesi di lingua tedesca – il gruppo in Italia (SAZ-Italia), che esiste da oltre un anno e che conta ormai quasi 50 membri. 


I diritti e le condizioni per le varie forme di sfruttamento digitale stanno diventando sempre più importanti. Lo dimostra anche una querela dello scrittore polacco Andrzej Sapkowski, i cui libri sono stati utilizzati come modelli per i giochi elettronici. Dopo una lunga disputa, è stato raggiunto un accordo.


Il gioco di carte "Bohnanza" di Uwe Rosenberg - nel programma di Amigo - è stato recentemente plagiato più volte e offerto con un design diverso su Kickstarter. Amigo lo ha dimostrato in dettaglio e lo ha criticato in un comunicato stampa. Non c'era nulla da sentire di azioni legali come una lettera di avvertimento.


Il soggetto è il gioco NEXTPRESS, di cui è responsabile anche Karsten Adlung in qualità di autore e di cui faceva esplicito riferimento EXPRESS di Reiner Knizia. Questo gioco era precedentemente sul programma di Adlung.


La SAZ Italia, sezione italiana della SAZ, associazione internazionale di autori di giochi da tavolo, annuncia le molteplici attività organizzate per l’edizione 2018 di Play, Festival des gioco a Modena.


Attualmente, gli editori inviano le dichiarazioni di licenza per l' ultimo periodo di fatturazione, soprattutto per la seconda metà del 2017. Nonostante tutta la gioia dei prossimi pagamenti, raccomandiamo per esperienza reale di controllare queste dichiarazioni molto attentamente.


Alla Spielwarenmesse di Norimberga di quest' anno, la SAZ e l' IO si sono presentati per la prima volta come partner della Spielwarenmesse nello SpieleCafé e hanno informato le loro organizzazioni e i loro interessi nell' industria dei giochi. L' attenzione si è concentrata sulla menzione spesso mancante degli autori nel commercio online.


Siamo lieti di aver completato l' adattamento completo del nostro sito web nella lingua italiana. Mancano solo pochi articoli di contenuto.


Il 14 novembre 2017 la SAZ e gli editori tedesci di giochi hanno presentato una proposta corrispondente alla sezione Socio-Cultura e educazione culturale del Consiglio Tedesco della Cultura. I giochi sono un bene culturale degno di protezione e di grande importanza sociale.


In ottobre 2017 è stata formalmente fondata la sezione italiana della SAZ, Spiele-Autoren-Zunft (Associazione degli Autori di Giochi). Questo è il primo gruppo nazionale al di fuori della Germania.